Pic 1

Sostienici!

CONTO CORRENTE BANCARIO

Banco Popolare

IBAN IT57 H 05034 69930 000 000 000 247

 

CONTO CORRENTE POSTALE N. 93591170

 

DONA IL 5‰ inserendo

il nostro Codice Fiscale sulla dichiarazione dei redditi: 01184660452

 

o ancora, scegl le nostre BOMBONIERE SOLIDALI

Sportello di consulenza e prevenzione psicologica

Vai alla pagina delle modalità di ricevimento

 

CHE COS’È?

consulenza psicologicaÈ un luogo di ascolto in cui è possibile accogliere le domande e offrire una risposta agli interrogativi originati dal disagio e dalla sofferenza.  
Il primo contatto, cioè l’accoglienza, prevede la conoscenza della storia di vita della persona, del problema presente, del disagio psicologico legato alla difficoltà.
Lo Sportello di consulenza e prevenzione psicologica nasce per offrire un aiuto a bambini/ragazzi portatori di handicap e ai loro familiari a superare le difficoltà e i disagi che incontrano.
Si pone l’obiettivo di fornire la possibilità alla persona di poter analizzare la domanda e le motivazioni che lo hanno spinto a chiedere aiuto, per mettere a fuoco le proprie problematiche; nel caso in cui emergesse l'esigenza di intraprendere una percorso di terapia, il professionista informerà l'utente sulle possibilità di intervento che possono essere di tipo individuale e/o di gruppo.
Il Servizio aiuta la persona ad avere una maggiore fiducia in se stessa, permette di migliorare l'autostima mediante la conoscenza delle proprie capacità e dei propri limiti.  
Avvalersi della consulenza di un professionista psicologo è un atto di amore verso se stessi. Amare se stessi significa rispettarsi e ciò pone le basi per conoscersi. Conoscersi significa dedicarsi spazio, tempo e attenzione. È un'occasione che permette di gestire stress e di riuscire a mantenere in modo equilibrato un elevato benessere di vita quotidiano. Accoglie dubbi e difficoltà dei bambini/adolescenti che incontrano nel loro percorso di crescita, dei genitori cosicché possano esprimere i propri vissuti, pensieri e sentimenti legati alla difficoltà del figlio, degli insegnati/educatori che sperimentano difficoltà e disorientamento nell’educazione e istruzione di bambini con particolari disagi.

 

A CHI È RIVOLTO E COSA OFFRE? 

consulenza psicologicaLo sportello è rivolto a tutti coloro che necessitano di una Consultazione per affrontare problematiche personali, disagi psico-fisici, familiari Lo sportello ha il compito di accogliere in modo qualificato e tempestivo le richieste delle persone ed indirizzarle verso le aree di consulenza o di intervento più idonee. Nello specifico lo sportello può essere uno spazio utile per:

  • I Bambini (1-12 anni): il supporto psicologico è realizzato mediante il gioco psicomotorio (libero e semi-strutturato). Il gioco, per il bambino, è il mezzo privilegiato per comunicare ciò che non è esprimibile con le parole (pensieri, sentimenti, azioni).  È indicato per bambini con handicap, che mostrano delle irregolarità nella crescita, che si mostrano facilmente scontenti o litigiosi, hanno difficoltà relazionali, disturbi del sonno o dell’alimentazione, reazioni somatiche allo stress o risultati scolastici non soddisfacenti.

 

  • Gli Adolescenti (12-18 anni) con difficoltà: si vuole offrire uno spazio per garantire all’adolescente uno sviluppo psicologico  ottimale tenendo conto delle proprie difficoltà e disagi.  Le manifestazioni di disagio in età evolutiva si esprimono  in maniera differente secondo l'età, l'organizzazione del sistema familiare e le difficoltà oggettive e soggettive dell’adolescente. Esse privilegiano comunque  i canali comportamentali o somatici. Vale a dire che l’adolescente manifesta il proprio disagio o attraverso un sintomo somatico, o attraverso un disturbo del comportamento. E' molto importante cogliere per tempo tali segnali  e intervenire in modo idoneo, ma ancora meglio è agire in senso preventivo, cercando di eliminare o porre rimedio tempestivamente ad eventuali fattori di rischio.

  • I giovani adulti con disagi psicofisici. Si offre uno spazio di ascolto in cui possano affrontare le dinamiche legate alla propria difficoltà. Il servizio permette loro di esprimere i propri vissuti, pensieri e sentimenti legati a come affrontano i propri limiti e disagi.

  • Le famiglie: cioè attraverso la realizzazione di interventi per la promozione del benessere familiare, basati sul dialogo e sulla comunicazione, intende migliorare le relazioni e prevenire il disagio;

  • Le famiglie con bambini/adolescenti: una Consulenza per le difficoltà dell’infanzia intende fornire alle famiglie con bambini/adolescenti, un sostegno alla genitorialità al fine di promuovere un armonico sviluppo dei figli, migliorare la qualità delle relazioni o gestire le eventuali difficoltà nelle varie aree evolutive (alimentazione, sonno, regolazione emotiva, ...); La finalità del servizio in merito all'età evolutiva è quella di fornire sostegno ai genitori attraverso risposte mirate alle difficoltà che stanno vivendo i propri figli e nel mettere in atto interventi adeguati alla loro risoluzione. Gli incontri possono riguardare uno o entrambi i genitori.

 

  • Gli educatori ed insegnanti impegnati nel lavoro con adolescenti. Gli insegnanti/terapisti/operatori possono richiedere un colloquio per confrontarsi sui problemi legati ai ragazzi. Nel confronto vengono individuate le strategie più idonee di approccio al problema, per migliorare la relazione con il bambino/adolescente e anche con i genitori. Il dialogo con un esperto esterno alla situazione inoltre può essere di grande aiuto e giovamento all’insegnante per affrontare e gestire in modo adeguato le ripercussioni che la situazione può avere sul gruppo classe.

  • Gli Educatori e i Genitori: spesso è opportuno effettuare incontri congiunti alla presenza dei genitori e degli educatori, in modo da coordinare il più possibile le energie al fine di aiutare il bambino in difficoltà.

 

COME FUNZIONA?

consulenza psicologicaIl Servizio di Consulenza Psicologica prevede un ciclo di incontri in cui si analizza la domanda e le motivazioni che spingono la persona a chiedere aiuto per sé o per il figlio focalizzando la problematica e stabilendo insieme dopo un paio di incontri conoscitivi il piano di trattamento. Il piano di trattamento prevede un obiettivo reale e concreto. Ogni incontro verrà appositamente “registrato” in un diario clinico accessibile solo dai familiari e nel pieno rispetto della privacy. 
Le sedute hanno, a seconda della sofferenza portata dalla persona, cadenza settimanale ed una durata di circa 50 minuti/1 ora.
I colloqui si svolgono in modo individuale oppure la persona (adolescente, giovane adulto, genitore, educatore) può essere inserita in un gruppo, a seconda della richiesta e del disagio.  

Il  GRUPPO può essere rivolto:

  • A  ragazzi e giovani adulti con disagi cognitivi e relazionali. Verranno divisi in base all’età, alla difficoltà presentata e alla richiesta. Si organizzano laboratori sulle emozioni, sulla conoscenza di sé e degli altri, sull’educazione socio-affettiva, sul condividere le esperienze.

 

  • Per i genitori/educatori si offre la conduzione di un gruppo di Auto-Mutuo Aiuto perché  i genitori possano discutere problematiche relative alla gestione dei propri figli. Rappresenta una modalità di sostegno alla famiglia e permette la costruzione di una rete sociale di supporto e lo scambio di aiuto nella condivisione e nel confronto, risponde ad un bisogno di appartenenza. Il gruppo può offrire la possibilità di riflettere sul proprio ruolo genitoriale tenendo conto dei bisogni ed interessi propri di ciascuno.

 

COSA INTENDE OFFRIRE?

consulenza psicologica Ha lo scopo di offrire un servizio di supporto psicologico accessibile a TUTTI. Inoltre offre uno “spazio di ascolto” rispetto a situazioni di disagio e malessere di ragazzi e adulti. Il Servizio è articolato in una Consulenza che prevede colloqui e valutazioni psicodiagnostiche e un'Assistenza Domiciliare che vuole fornire un sostegno psicologico adeguato a pazienti parzialmente, totalmente o temporaneamente non autosufficienti.

 

INFORMAZIONI E CONTATTI

consulenza psicologica

 

Scarica la locandina dello sportello.